Frutta & Verdura

La frutta esotica: tutti i benefici che possiamo trarne

I benefici della frutta esotica sono tanti e tali che vale la pena di portarla sempre in tavola per usufruirne: che si tratti di ananas o di mango, di papaya o di avocado, questi frutti contengono numerose sostanze preziose che hanno il merito di rigenerare i tessuti e di garantire un consistente apporto energetico. Come si può leggere sul sito http://www.fratelliorsero.it, quindi, portare la frutta esotica in tavola fa davvero bene: per esempio la papaya contribuisce a contrastare la cellulite grazie alla papaina, un enzima che svolge sia un’azione anti-gonfiore che un’azione anti-infiammatoria. Non solo, tra le caratteristiche interessanti di questo frutto c’è anche l’elevato contenuto di potassio.

Pure l’avocado fornisce un apporto importante all’organismo: in questo caso, tocca al potassio assicurare un’azione rigenerante, mentre il sistema nervoso viene mantenuto efficiente dalla presenza dfrutta esoticai vitamine del gruppo B. Se è vero che si tratta di un frutto piuttosto calorico – circa 230 calorie ogni 100 grammi – è altrettanto vero che i grassi che lo caratterizzano sono grassi buoni, nel senso che hanno un effetto positivo sul corpo umano.

Proseguendo la rassegna di frutta esotica foriera di benefici, ecco la noce di cocco, che fornisce energia in grandi quantità – ogni etto favorisce un apporto di 364 calorie – ed è ricca di grassi e di proteine. La si può mangiare al naturale, come se si avesse a che fare con uno snack, magari per saziarsi e per placare la fame. Il lime, invece, merita di entrare a far parte del regime alimentare di chiunque perché ha un contenuto di vitamina C decisamente elevato, cinque volte superiore a quello delle arance: vi si può ricorrere per tenere alla larga il rischio di malanni di stagione e di sindromi influenzali, a maggior ragione nel caso in cui si sia molto sensibili al passaggio dal caldo al freddo.

Come dimenticare, poi, l’ananas? I suoi pregi vanno attribuiti soprattutto alla bromelina, una sostanza che agevola la digestione delle proteine e, in più, offre numerosi benefici alla salute dello stomaco. Ma non solo: nell’ananas si trovano anche l’acido citrico, la vitamina C e il calcio, sostanze dalle proprietà diuretiche davvero apprezzabili. Ecco perché lo si deve mangiare se si ha voglia di contrastare la ritenzione idrica. Infine, ecco il mango, che è ricco di carotene, di vitamina K, di fibre, di vitamina B6, di potassio, di vitamina E, di vitamina A, di amminoacidi e di vitamina C.

 

Canzone: Mango, papaja di Giuni Russo

Previous Post Next Post

You Might Also Like

No Comments

Rispondi