germogliatore
News & Eventi

Scopriamo il germogliatore

La cucina italiana si sta arricchendo sempre più di prodotti che arrivano da terre lontane, grazie al superamento delle barriere alla possibilità di reperire cibi esotici con semplicità. Anche se la nostra cucina mediterranea non ne è mai stata ricca, un alimento che può essere introdotto con gusto e semplicità sono i germogli, ovvero vegetali che vengono consumati freschissimi prima che si ‘trasformino’ in pianta. I germogli sono degli alimenti davvero salutari, in quanto contengono spesso molti più principi nutritivi della pianta stessa, sono ricchi di acqua e anche di sali minerali. Il loro apporto calorico è nullo e quindi essi possono diventare protagonisti di una dieta ipocalorica e votata alla ricerca del benessere. Ma come si fanno i germogli? Con il germogliatore, ovvero con uno strumento molto bello che può essere reperito nei negozi di alimentazione bio ma anche in molti canali del web.

germogliatore a pagoda

Il germogliatore a pagoda viene spesso realizzato in plastica o in salubre terracotta

Il germogliatore è uno strumento adatto alla coltivazione dei germogli in casa, in quanto occupa poco spazio e permette di ottenere un’ottima produzione ogni qual volta si desidera. Esso può essere realizzato con forma a pagoda, ovvero composto da vari strati e realizzati in plastica o solitamente in terracotta, un materiale salubre che non intacca i principi nutritivi dei germogli. Lo scopo del germogliatore è quello di mantenere i piccoli germogli in ordine  e far sì che possano essere bagnati ogni giorno per potere crescere belli e sani.

germogliatore a vaso

Il germogliatore a vaso è dotato di un tappo retato per lasciare respirare i germogli

La seconda e forse più pratica versione del germogliatore è quella  a vaso, realizzata come un vero e proprio vasetto dove il tappo è composto da una fitta rete. Il vaso viene mantenuto inclinato dall’apposita struttura  e quindi i germogli possono rimanere bagnati ma al contempo respirare e quindi non ammuffirsi. La produzione dei germogli è molto semplice in quanto basta acquistare i semi, metterli bagno in acqua per il tempo indicato e quindi metterli nel germogliatore per il numero di giorni indicati nella confezione, bagnandoli e sciacquandoli almeno una volta al giorno. Dopo alcuni giorni i germogli saranno pronti per essere gustati come ingrediente delle insalate, ma anche nella preparazione di zuppe, minestre, contorni e primi piatti. I germogli più impiegati sono il crescione, la senape, l’alfa alfa, l’erba medica ma anche i germogli della famiglia del cavolo e dei broccoli, che si propongono molto salutari e ricchi di virtù benefiche per l’organismo.

Canzone: Your Lost little Girl – The Doors

Previous Post Next Post

You Might Also Like

No Comments

Rispondi